Parte la fase 2 di FAB: ecco i progetti che vi accedono!

È con grande piacere che oggi annunciamo i progetti che superano la seconda selezione FAB ed entrano di fatto nella fase calda di creazione di impresa! Delle 6 idee che avevano superato il primo esame di settembre e frequentato la Village Academy (da cui i progettisti sono usciti con una strutturazione dell’idea di impresa, sia in termini di impatto economico ma anche – perché questo, lo ricordiamo, è il focus di FAB – di impatto sociale), abbiamo scelto le 3 che, secondo noi, rispondono meglio ai requisiti che cerchiamo in un’idea di impresa a forte impatto sociale.

Ecco una breve descrizione dei progetti, ma soprattutto delle persone da cui nascono.


IL PARCO NATURALE SINERGICO
 

Il progetto del Parco Naturale Sinergico, decisamente ambizioso, è destinato ad occupare un’area di circa 50 ettari nella zona a nord della provincia di Udine (precisamente nel comune di Trasaghis) e punta all’integrazione fra più dimensioni: agricola, didattica, di valorizzazione del territorio, sociale. Il piano d’impresa prevede la produzione di humus, orticole, alboreti e allevamento di ovini. Nella medesima area verranno proposti percorsi di fattoria didattica per valorizzare i magredi. Il modello organizzativo previsto è quello della Cooperativa sociale di inserimento lavorativo (tipo B). Inserendosi in un’area a vocazione turistica nelle immediate adiacenze del lago dei Tre Comuni, si prevedono punti vendita diretti in un’ottica di rete sul territorio.

I FABER
La squadra che sta lavorando allo sviluppo dell’idea è formata da quattro amici dal carattere forte e determinato che mettono in comune esperienze di studio e professionali nei settori agrario, turistico e didattico:
Julia Mamolo, Jessica Martinuzzi, Giovanni Stefanutti, Giulio Micelli.

Julia è Tecnico Turistico, specializzata in gestione di strutture di ospitalità. Nel 2004, spinta dalla passione per le piante officinali e le pratiche naturali, ha deciso di frequentare un corso per giovani imprenditori agricoli con l’obiettivo di poter un giorno aprire un’impresa. È la guerriera che dà la forza propulsiva al gruppo.
Jessica è Perito Turistico. Cresciuta in campagna, è sempre stata affascinata e incuriosita dall’equilibrio e dalla bellezza della natura. Accompagnatrice di gruppi di bimbi e adulti alla Casa delle Farfalle di Bordano, ha collaborato alla realizzazione e gestione di attività didattiche e laboratoriali in fattoria didattica e sociale. È appassionata di temi ambientali e vuole trasmettere ai bimbi l’amore e il rispetto per la natura e la consapevolezza delle infinite possibilità d’interagire, scoprire e giocare con l’ambiente. La sua schiettezza è diventata proverbiale in FAB 😉
Giulio, il visionario del gruppo, ha una ventennale esperienza in agricoltura biologica (in particolare in allevamento di cavalli, bovini e suini). Appassionato e praticante di discipline olistiche che lo hanno aiutato negli anni a convivere con la sua disabilità fisica, porterà all’interno del Parco la sua esperienza in questo settore, come in quello dell’artigianato e della lavorazione del cuoio.
Giovanni è un Perito Agrario, insegnante di materie tecnico-scientifiche agrarie in pensione. Specialista tecnico laboratoriale, ha maturato numerose esperienze nel campo della didattica agro-ambientale. Attualmente, è Presidente dell’Associazione Auser Volontariato “Ecologia” di Bordano, affidataria del Parco Botanico di Interneppo. Porta nella squadra la sua lunga esperienza, ma anche l’entusiasmo di chi ha ancora voglia di costruire qualcosa per il futuro.


LO SCAMBIO INTELLIGENTE

Si tratta di un sito web dedicato allo scambio di beni e competenze con un occhio particolare al terzo settore che nasce per mettere in comune le risorse connettendo, attraverso la rete, i privati e il mondo del non profit, le aziende e le istituzioni pubbliche. Obiettivo è scambiare, gratuitamente e per un tempo determinato, risorse materiali e risorse umane (prestazioni, consulenze, ecc. verranno valutate con dei crediti a seconda del valore commerciale) favorendo il welfare di comunità, con la possibilità di dar vita a progetti inediti che portino a migliorare i servizi.

LA FABER
Federica Morsanuto ha 34 anni, è sposata e mamma di due bambini. Si è sempre occupata del settore non profit, sia per lavoro che a titolo di volontariato. Crede che, per essere davvero efficaci, le grandi idee e i grandi cambiamenti partano dalle persone ma debbano contagiare anche la vita pubblica. La sua ambizione è creare una rete tra le persone, le aziende, il pubblico e il privato sociale, per ottimizzare l’utilizzo delle risorse a vantaggio della comunità: condividere per risparmiare e liberare denaro per investirlo in modo intelligente.


OPEN LAND

Open Land è una scuola dell’infanzia bilingue (Italiano e Inglese) che nasce per favorire il bilinguismo come struttura neurolinguistica, in virtù dei molteplici vantaggi cognitivi che questo comporta. Usare l’apprendimento dell’inglese in età prescolare, come parte integrante di un percorso volto ad educare alla multiculturalità, può garantire la crescita di ogni bambino nella curiosità, educandolo attraverso il gioco alla responsabilità e al rispetto. Tra gli obiettivi, anche la promozione della ricerca e formazione in ambito pedagogico, attraverso la creazione di rete con enti, fondazioni e altre scuole di eccellenza.

LA FABER
Tiziana Perin è una persona estremamente curiosa, ottimista e dinamica. Tutte caratteristiche che l’hanno spinta a viaggiare moltissimo, per studio, diletto e lavoro. Dopo la Laurea in Scienze della Comunicazione, si è dedicata alla cooperazione per lo sviluppo, lavorando a Madrid, in Nicaragua, Cile, Tanzania e Mozambico. Al suo rientro ha deciso di realizzare un progetto puntando sulle competenze acquisite in queste esperienze.
Infine, una citazione a parte merita il progetto RECYCLAB (presentato a FAB da Ingrid Prestopino e Dante Fantinel). Pur non accedendo alla seconda fase di FAB, ma grazie alla rete di collaborazioni e scambi che questo ha saputo creare all’interno della comunità, il progetto di riciclo che unisce la pratica del riuso alla “rinascita” degli oggetti anche in chiave artistica ha trovato nuovi e importanti compagni di viaggio in una delle maggiori Cooperative sociali di tipo B del territorio. Presto, vi racconteremo anche questa storia :)

Vi terremo aggiornati su come si svilupperanno tutti e tre i progetti. Desideriamo però ringraziare gli altri partecipanti che non hanno superato questo secondo sbarramento. Il lavoro, la passione e l’impegno che hanno regalato alla Academy (quindi ovviamente ai colleghi, ma anche al coordinatore e ai trainer) ci aiuteranno a lavorare meglio: a loro facciamo un grande in bocca al lupo con l’augurio di riuscire a realizzare i propri sogni!

in Aggiornamenti