A TU PER TU CON I FABERS #6 Marzia Basei

Marzia bi-color

Eccoci alla sesta e ultima delle sei voci che compongono la seconda Academy di FAB… con queste tre risposte si conclude la rapida carrellata sui progettisti che in questo momento sono impegnati per trasformare il loro progetto in impresa…. Ce la faranno? A luglio lo sapremo.

Marzia, il suo progetto: LA CASA DI BART

Come ti sei avvicinata a FAB?

La prima volta che ho sentito parlare di FAB è stata durante l’assemblea dei soci della Cooperativa Itaca di circa due anni fa. Mentre Massimo Tuzzato raccontava l’iniziativa, io pensavo che forse sarebbe stata l’occasione per tirare fuori dal cassetto il mio vecchio sogno. Due anni dopo ho telefonato a Christian Gretter per verificare se anche i soci della Coop potessero partecipare, vista la risposta positiva ho compilato il modulo d’iscrizione e partecipato alle selezioni.

Come è scandita la vita nel generatore d’impresa?

La vita nel generatore d’impresa è decisamente dinamica e diversificata, si passa dalla compilazione del budget d’impresa, al calcolo del costo del lavoro fino ad arrivare alla comunicazione in pubblico e all’empowerment. Le scadenze per la consegna dei “compiti“ assegnatici è praticamente settimanale, quindi si comincia a sentire la pressione e si prova a gestire lo stress che ne deriva.

Come si sta sviluppando la tua idea imprenditoriale?

La mia idea imprenditoriale si sta sviluppando non più solo nella mia mente ma anche in quella delle persone a cui ne parlo, che sembrano capire più chiaramente che cosa ho in testa. Sono più chiari gli obiettivi, le azione per raggiungerli, le persone a cui rivolgermi e come rivolgermi a loro, i costi che deriveranno dall’iniziativa. Ogni giorno le cose si complicano per chiarirsi successivamente, per poi ricomplicarsi nuovamente. Il confronto con gli altri fabers e i docenti dà sempre nuovi stimoli per continuare ad interrogarsi su quello che stiamo facendo.

in A tu per tu con i Faber